mercoledì 26 agosto 2009

Anno MdF 2009/2010: di che giorno le prove?

Eccoci arrivati alla nuova stagione canora :)

Dobbiamo scegliere il giorno delle prove: come al solito la maggioranza sarà sovrana (dei mammuomini, naturalmente!). Visto che il nostro prossimo incontro sarà domenica 6 a messa, lasciamo aperte le votazioni sul giorno delle prove fino a tale data.

Per essere tutti più chiari, nell'esprimere il vostro parere indicate i giorni che non vi vanno bene dividendoli fra quelli che vi sono proprio impossibili per impegni vari e altri che invece preferireste evitare ma senza un ferreo divieto. Una cosa del tipo: "Io preferirei evitare il mercoledì perchè c'è il Milan in Champions e non posso venire il venerdì perchè vado al Rinnovamento" :) A prestooooo

Leggi tutto...

Auguri Isabella!!!!!!!!!!

Buon compleanno alla mitica Clarabella...

...velina senza pari (vln...),
soprano senza eguali (per fortuna),
l'unica che dà un senso a tutto (ricordate Casore?),
poetessa di conclamata celebrità (leggere le perle per credere),
talpina all'occorrenza,
maffina fedele,
MAMmina altrettanto fedele,
pianista senza oceano,
golfista eccezionale...

...AMICA SINCERA E LEALE :)

Leggi tutto...

domenica 23 agosto 2009

venerdì 21 agosto 2009

le mitiche foto

ecco a voi i link da cui potrete scaricare le foto di tutte le macchinette in funzione ad alghero.. sono davvero un botto.. buon download! :)



ps. scusate il ritardo!
Leggi tutto...

martedì 18 agosto 2009

Il ratto della colazione... e non solo!

Con buona pace dell'appartamento numero 3...


...che non smetteremo mai di ringraziare per l'accoglienza e il calore! :)

Leggi tutto...

sabato 15 agosto 2009

Maria...la forma Dei....

Ragazzi un'amica mi ha mandato qst dolci frasi sulla nostra mamma e ho pensato di condividerle con voi...

"Maria viene chiamata da S.Agostino, e lo è di fatto, lo stampo vivente di Dio, forma Dei... ciò significa che solo in lei il Dio fatto uomo è stato formato al naturale, senza nulla perdere della sua divinità, ed è ancora solo in lei che l'uomo può essere formato in Dio al naturale, per mezzo della grazia di Gesù Cristo e per quanto la natura umana ne sia capace.
Uno scultore può realizzare al naturale una figura, o un ritratto in due modi: o avvalendosi della propria capacità, energia e scienza, e della bontà dei propri strumenti, per operare sulla materia dura e informe; oppure può gettare questa materia in uno stampo. Il primo modo è lungo e difficile, e può andare incontro a molti inconvenienti: a volte basta un colpo di scalpello o di martello dato male per rovinare tutta l' opera. L'altro modo è rapido, facile e dolce, quasi senza fatica e di poca spesa, purchè però lo stampo sia perfetto e riproduca l'immagine al naturale, e che la materia di cui si serve non sia resistente ma ben trattabile. Maria è il grande stampo di Dio, preparato dallo Spirito Santo per formare al naturale un Uomo-Dio, per mezzo dell'unione ipostatica, e per formare un uomo Dio, per mezzo della grazia. A questo stampo non manca nessun tratto della divinità, chi vi viene gettato e si lascia anche plasmare; vi riceve i lineamenti di Gesù Cristo, vero Dio, in modo dolce e proporzionato alla debolezza umana, senza troppe fatiche e lotte angosciose, in modo sicuro sensa temere le illusioni, poichè il demonio non ha mai avuto, ne mai avrà accesso a Maria, e infine in modo santo e immacolato, senza ombra della più piccola macchia di peccato."

Leggi tutto...

venerdì 14 agosto 2009

ah vice... e non c'hai più 20 anni!!! ;)

Vi state forse tutti chiedendo cosa combina il Vitucci durante le vacanze??? Probabilmente no... ma ve lo racconto lo stesso! ;)

Il nostro infaticabile vice, tornato nelle terre melfitane dopo la super vacanza algherese, si cimenta in un torneo di calcetto, conquista un nuovo titolo e si dà alla pazza gioia!!!




Fonti attendibilissime riportano che è stato avvistato mentre correva per il paese con bottiglie di spumante in mano, facendo il bagno a compagni di squadra e passanti increduli, urlando frasi innaggianti ad un fantomatico gruppo di briganti, tuffandosi nella fontana della piazza principale...


...e bravo Fabietto!!! ;)

Leggi tutto...

giovedì 13 agosto 2009

Figo bao brinda bonito!

Voi maffine parlate tanto di godimento...
... ma sapete bene che per sostituirci non basta un reggimento!

Quello che ha toccato sott'acqua, io non so...
... so soltanto che è andata via dicendo: "Ohibò!"




La milanese dopo l'incontro acquatico se ne andò e disse:
"Wow, una cosa così nemmeno nell'Apocalisse!"

Care maffine, frenate un po' i vostri ardori...
...sapete bene che noi siamo come una mandria di tori!



Ho dimenticato tanti brindisi del nostro sommo poeta... se vi tornano in mente, scriveteli fra i commenti e li aggiungo!

Leggi tutto...

Buon compleanno Micheluzza!!!!!!!!!!!!!!!

video



Leggi tutto...

martedì 11 agosto 2009

Quiz algherese: DI CHI E' LA COSCIA?


Leggi tutto...

Svelato il mistero...

Lo stemma dei Quattro Mori ha origini antiche, ma lontane dall’isola, che risalgono al 1106. In quell’anno, Pietro I, re di Aragona, riconquistò gli alti Pirenei sconfiggendo, nella piana di Alcoraz, di fronte alla città di Huesca, il re saraceno Abderramen . Dopo la vittoria fu issata, insieme alle insegne dei Conti di Barcellona (lo scudo con quattro pali rossi in campo oro [giallo]), la bandiera dei Quattro Mori, o meglio, lo stemma che riportava, nei quattro quarti bianchi formati dalla croce rossa (la croce di San Giorgio, loro protettore) la testa del moro con la benda sulla fronte (simbolo di regalità), per ricordare la battaglia e la sconfitta del sovrano avversario.

Con l’istituzione del “Regno Sardo” i catalano/aragonesi tennero per sé la bandiera con i “Quattro Pali Rossi in Campo d’Oro” e cedettero alla Sardegna quella dei “Quattro Mori con le bende sulla fronte”. Nel XVIIo secolo, si ritiene per un errore di stampa, le bende coprirono gli occhi ai Mori… con questa errata rappresentazione lo stemma è rimasto, a rappresentare l’isola, fino all’arrivo dei Savoia (1720) che vi aggiunsero “l’Aquila Sabauda portante una Croce Bianca in Campo Rosso bordato di Azzurro”. Questa nuova veste fu inserita nel tricolore, adottato da Carlo Alberto (1848) e lì rimase fino alla proclamazione del Regno D’Italia (1861) la cui nascita poneva termine al Regno di Sardegna dopo 567 anni d’esistenza.

Lo stemma dei Quattro Mori ricomparve nel 1921, quando alcuni reduci della Grande Guerra fondarono il Partito Sardo D’azione. Caso volle che questi, interessati più alla politica che alla storia dell’isola, non solo scegliessero, come simbolo di riscatto, lo stemma consegnatoci dai dominatori, ma che adottassero anche quello con la grafica sbagliata: i Mori con la benda sugli occhi e non sulla fronte. Nel 1950, lo stemma dei Quattro Mori divenne il simbolo della Regione Autonoma della Sardegna per voto della maggioranza qualificata dei componenti del Consiglio Regionale. Una legge regionale apposita nel 1999 portò, dopo studi approfonditi, a cambiare la bandiera dei quattro mori riportando la benda sulla fronte dei mori col significato: I sardi non devono più guardare e piangere, senza dimenticare, il passato ma pensare a costruire un futuro migliore per la Sardegna).

C'è addirittura un intero sito dedicato alla bandiera sarda: http://www.bandierasarda.it/

Leggi tutto...

domenica 9 agosto 2009

Un consiglio per l'estate (anche da regalare): un libro bello e "utile"



LETTERE DA GIBUTI - di Renato Zilio - Ed. Messaggero Padova 2008, €7
Il ricavato è devoluto alle comunità cristiane di Gibuti

Leggi tutto...

sabato 1 agosto 2009

Dalla rubrica "Chi se lo piglia Seps???"

Dopo che la stampa scandalistica gli ha assegnato flirt di tutti i tipi...






... sembra che finalmente qualcuno abbia deciso di puntare seriamente sul nostro Msf (Mammuomo senza frontiere)! Voci ben informate sostengono che questa misteriosa LEI gli abbia chiesto addirittura di sposarlo e di fuggire con lui in giro per il mondo! Ulteriori dettagli nelle prossime puntate...

PS: so che stenterete a crederci, ma non è una bufala! (by la Task)

Leggi tutto...